Provando a sedersi su uno stagno o a bere una sedia, ci si accorge rapidamente che tra liquidi e solidi passa una bella differenza. Un’utile distinzione che si insegna a scuola è che un liquido prende la forma del recipiente che lo contiene. Però questo vuol dire che un gatto è decisamente liquido.

Insomma la linea tra liquidi e solidi è molto più sfumata di quanto sembri.

Il fatto di adattarsi alla forma del recipiente è una conseguenza della proprietà che di solito definisce i liquidi, ovvero quella di scorrere. Se mettiamo un mucchio di sassi in un vaso, staranno appoggiati uno sull’altro e alle pareti del vaso, ma non scorreranno, perciò manterranno la loro forma. Le molecole di acqua invece scivolano una sull’altra e lungo le pareti del recipiente, riempiendo rapidamente tutti gli spazi vuoti.

Cosa fare allora con la pece? Sembra solida abbastanza quando la si spacca con un martello. Un famoso esperimento in Australia, però, ha mostrato che anche la pece scorre e gocciola. Una goccia ogni 14 anni, in media.

Insomma, se un materiale è liquido o solido dipende da quanto tempo siamo disposti ad aspettare. La pece sarà solida nei prossimi cinque minuti, ma scorrerà un po’ nei prossimi cinque anni. Il mantello terrestre (lo strato sotto la crosta rocciosa su cui abitiamo), ad esempio, è milioni di volte più viscoso della pece—in pratica è solido. Ma in tempi geologici (letteralmente…) scorre, come un liquido, causando la deriva dei continenti.

Definire cosa sia liquido e cosa solido non è facile. I gatti (per cui, tra l’altro, la risposta non è ancora definitiva) magari non sono l’esempio migliore da testare: non c’è molto tempo per osservarli. E non sono sempre sempre motivati a collaborare.

Per saperne di più
  • Gira insistentemente voce che il vetro sia un liquido molto viscoso, e che perciò le antiche vetrate stiano lentamente scorrendo in giù. Diversi studi hanno mostrato che non è così. Uno, in particolare, conclude che per vedere le vetrate di una cattedrale scorrere bisognerebbe aspettare la seconda venuta.
  • Una ricerca ha davvero indagato le proprietà fisiche dei gatti per vedere se fossero liquidi. E siccome pare una domanda scema ma apre questioni interessanti, ha vinto il premio IgNobel per la fisica.

Proof That Cats Are Actually Liquid

 

Foto copertina: Maisie Vase, CC-BY-NC drocpsu/flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *