Prendendo uno spaghetto crudo dalle estremità e piegando sempre più, prima o poi si romperà. Non in due però: quasi sicuramente in tre o più pezzi. Che stregoneria è mai questa?

Non ci credete? Siate scienziati: provate!

Il motivo per cui gli spaghetti si rompono in questo modo si è rivelato essere un problema davvero difficile. Così tanto che pure uno leggendariamente intelligente come Richard Feynman non l'ha risolto.

Al premio Nobel Feynman piacevano gli enigmi. Molto meno non riuscire a risolverli…

Si è dovuto aspettare fino al 2005 perché qualcuno trovasse una soluzione. Che nessuno ha visto in azione fino al 2014 (!!!), quando uno YouTuber di nome Destin Sendlin ha finalmente risolto il caso con questo video:

E ti credo che non l’aveva capito nessuno: è stranissimo!

Chiaramente, facendo abbastanza forza sullo spaghetto, la tensione lo farà rompere da qualche parte. Quando succede, lo spaghetto cerca di raddrizzarsi partendo dal punto della frattura (dove può muoversi).

Se è corto abbastanza, la frattura è molto vicina alle dita e quindi lo spaghetto torna subito in posizione. Ma se è lungo abbastanza, la parte lontana dalle dita si raddrizza così in fretta da creare abbastanza tensione con la parte che teniamo in mano. Così lo spaghetto si rompe di nuovo.

In pratica, è il contrario di un cedimento a cascata (quando una frattura mette più carico sulle parti rimaste, che si rompono, spostando il carico, eccetera). Negli spaghetti, la prima frattura è dovuta alla forza che stiamo applicando, le altre sono dovute al fatto che la forza se ne va.

Chi si aspettava di avere tutta questa fisica ed ingegneria in cucina?

Per saperne di più
  • Studiare queste cose è importantissimo per capire come e perché i materiali si comportano in un certo modo. Un sacco di scienziati ci lavorano
  • Qui trovate un vero articolo scientifico su come si rompono gli spaghetti

 

Foto copertina: CC0 Wolfgang Appel/pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *