Il Mauna Kea è un enorme vulcano estinto sulla Big Island delle Hawaii, ed è uno dei migliori posti sulla Terra dove fare astronomia (secondo loro, il migliore). Perciò la sua vetta ospita uno dei più famosi osservatori del mondo. Cosa lo rende così speciale—oltre a questa vista?

Tre dei telescopi dell’osservatorio in cima al Mauna Kea. Sullo sfondo, oltre le nuvole, Maui (distante oltre 100km). CC-BY-NC-SA Carmen Romano

Tanto per cominciare, è abbastanza vicino all’Equatore (suppergiù 20 gradi nord), perciò si può vedere molto sia del cielo dell’emisfero nord che di quello a sud.

Intorno all’Equatore non è una cosa rara. Difatti non è l’unico motivo: i telescopi sul Mauna Kea sono molto isolati, quindi zero inquinamento luminoso. La cittadina più vicina (Hilo, qualche kilometro ad est) ha appena 40mila abitanti e regolamenti speciali per limitare ulteriormente il disturbo.

Il cerchio si stringe. Ma ci sono comunque un mucchio di posti isolati all’Equatore.

Cosa rende davvero speciali i telescopi in cima al Mauna Kea? Il fatto che siano… beh… in cima al Mauna Kea.

La montagna si staglia oltre 4000 metri sul livello del mare. 4000 metri in meno di viaggio per la luce dalle stelle, tutti attraverso aria che la distorcerebbe. Anche quella poca aria che la luce deve attraversare è asciuttissima, riducendo ancor più il problema.

La luce dalle stelle viene affievolita, diffusa e distorta man mano che attraversa l’aria: meglio mettere gli osservatori in quota.

Le nuvole non sono un problema, perché solitamente stanno più in basso della vetta, che ha appena 30 giorni di precipitazioni l’anno (metà che a Palermo, per capirci).

Ora si fa complicata. C’è solo un posto così vicino all’Equatore, isolato, in alto e in un deserto: nel deserto dell’Atacama in Cile.

Rimane un enorme svantaggio del Cile: in un ora e mezza di macchina dall’osservatorio non si può arrivare qui.

La spiaggia Carlsmith a Hilo. CC-BY-NC-SA Karl Wienand

Per saperne di più
  • Questa è la seconda parte delle cose interessanti che ho imparato alle Hawaii. La prima trattava di capelli fatti di lava.
  • Non tutti sono d’accordo con la costruzione dei telescopi sul Mauna Kea (che è una montagna sacra nella tradizione hawaiiana), come racconta una serie di podcast di una radio delle Hawaii
  • SciShow Space ha fatto un bel video, raccontando in dettaglio come l’atmosfera disturba i telescopi (ma pronunciano male Mauna Kea!)

 

Foto copertina: mauna kea telescopes at dawn, CC-BY-NC-ND Punchup/flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *