Tutti sappiamo cos’è la temperatura no? Cos’è caldo e cos’è freddo, e che le cose calde hanno una temperatura più alta. A guardarci bene, però, la temperatura è un casino. Ci sono anche diversi modi perché la sua stessa definizione, per quanto sembri intuitiva, vada all’aria.

Pensate di guardare un video (senza audio) di una persona che fa nuoto sincronizzato da sola. È una cosa che non ha proprio senso. Con chi o cosa dovrebbe sincronizzarsi?

Guardando un gruppo di nuotatrici, invece, si può almeno dire se sono sincronizzate tra loro.

CC-BY-SA o.did/flickr

Per la temperatura c’è una questione simile: finché parliamo dell’aria in una stanza, o di un gatto—insomma cose fatte di abbastanza atomi o molecole—la temperatura funziona. Definirla bene è difficile (serve tirare in ballo l’entropia, che è complicata), ma si può fare.

La temperatura è una proprietà emergente, che è un modo pomposo di dire che viene dal comportamento collettivo delle particelle che guardiamo. Bisogna prenderne un gruppo sufficiente perché funzioni. Se prendiamo una particella da sola, il concetto non ha proprio senso. La temperatura smette di esistere.

Isolare molecole nel vuoto, però, è complicato e non tutti ci si possono divertire. Fortunatamente, per mettere in difficoltà la temperatura non servono sofisticati apparecchi di laboratorio: basta farsi un aperitivo.

credit: günter/pixabay

Infatti, per definire la temperatura non servono solo tante molecole (un bicchiere di spritz è più che sufficiente), ma anche che siano in equilibrio. E uno spritz col ghiaccio decisamente non lo è, visto che c’è calore che fluisce di continuo dall’aperitivo al ghiaccio.

Volendo, si può definire una temperatura per il ghiaccio (solitamente: 0°C), e un’altra per lo spritz (solitamente: rinfrescante), ma non per l’insieme che ci ha servito il barista. La temperatura dell’aperitivo non esiste.

Per saperne di più
  • Anche quando esiste, la temperatura ha comunque un punto dove finisce: lo zero assoluto
  • … a meno di usare un po’ di magia quantistica, come raccontano su Scientificast
  • Tra le curiosità di quest’estate c’era anche un curioso modo di raffreddare le particelle usando i laser
  • Altre curiosità sulle temperature (tipo: c’è un limite superiore alla temperatura?) in questo video di VSauce

 

Immagine copertina: CC0 Simona Robova/pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *