Probabilmente avete già sentito parlare di computer quantistici. Il vantaggio di leggere la spiegazione qui invece che sentirla da persone molto più affascinanti di me è che non ci sono occhi blu in cui perdersi.

Come dice giustamente il buon Justin, i computer quantistici non usano i normali bit, niente lunghe serie di 0 e 1. Al loro posto usano degli oggetti chiamati quantum bit, o qubit, che possono trovarsi in stati di sovrapposizione, possono essere 1 e 0 contemporaneamente.

L’idea è un po’ la stessa del gatto di Schrödinger che, finché non viene osservato, resta sia vivo che morto.

Il Prof. Andrea Morello dell’Università del New South Wales (Australia), spiega in un’intervista su Veritasium uno dei grandi vantaggi di usare i qubit: immagazzinare informazione in modo efficiente.

Due bit, dice Morello, possono avere quattro combinazioni di valori: 00, 01, 10, 11 e per descriverli sono necessari—spoiler—due bit (il valore del primo e quello del secondo).

Anche due qubit hanno quattro combinazioni. Se andassimo a misurarli, però, li troveremmo ogni volta un diverso in una diversa, e la probabilità di ognuna dipende da come abbiamo costruito la sovrapposizione. Per descrivere la sovrapposizione, quindi, ci serve sapere ciascuna delle probabilità, quindi 4 numeri*.

Sintetizzando, la quantità di informazione nei bit normali aumenta in proporzione a quanti ne usiamo, mentre quella nei qubit aumenta esponenzialmente. Mica male.

Un altro vantaggio dei computer quantistici è che possono manipolare la sovrapposizione stessa, senza misurare i qubit fino alla fine del calcolo. In questo modo possono usare tutte le combinazioni contemporaneamente e portare avanti molte operazioni in parallelo.

Questa abilità è inutile per gli usi quotidiani, ma aiuterebbe molto alcuni calcoli complessi, ad esempio, per capire come si ripiegano le proteine, che è fondamentale per scoprire nuove medicine. Per farlo, però, bisogna calcolare una dopo l’altra tutte le miriadi di combinazioni possibili, che è difficilissimo. I computer quantistici potrebbero simulare tutte le configurazioni in parallelo, sveltendo di molto l’operazione.

In teoria sappiamo praticamente tutto: come manipolare i qubit, che struttura devono avere i circuiti, come devono essere programmati i computer. Costruirli davvero, mettere insieme più di un paio di qubit sembra ancora molto molto complicato (nonostante notevoli recenti passi avanti).

Almeno per ora, tra il dire e il fare…

 

Credit: stefanieshank.tumblr.com

 

*Nota per attenti alla matematica:

Avrete notato che le probabilità devono sommare a 1, perciò si eliminerebbe uno dei numeri necessari per descrivere la sovrapposizione. Non me lo sono dimenticato, ma ho saltato l’argomento per brevità, semplicità e coerenza con quello che dice Morello nell’intervista. Resta il fatto che l’informazione contenuta nei qubit è esponenziale nel loro numero che sia 2^n o 2^n -1 bit.

 

Foto copertina: CC0 Wokandapix/pixabay.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *