Il 4 luglio 2012, il CERN (l’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare) annunciò di aver trovato le prove dell’esistenza di una nuova particella: il famigerato bosone di Higgs.

Purtroppo, molti hanno conosciuto questa meravigliosa particella come “particella di Dio”. L’etichetta— non particolarmente popolare tra i fisici—gli è rimasta attaccata dall’accattivante titolo di un libro del premio Nobel Leon Lederman (che, pare, ne volesse uno molto diverso). Questo nome ha creato molta confusione, dato che (una volta per tutte) Dio non c'entra proprio nulla.

Peter Higgs, CC-BY Bengt Nyman via Flickr.

Il bosone di Higgs deve il suo nome al fisico Peter Higgs, che ha teorizzato la sua esistenza negli anni ’60.

La sua teoria prevedeva un processo—fantasiosamente chiamato “meccanismo di Higgs“—che chiudeva l’ultimo buco rimasto nel Modello Standard, la grande teoria che raccoglie più o meno tutto quello che sappiamo delle particelle e le loro interazioni. Peraltro un buco piuttosto significativo: il meccanismo di Higgs fa in modo che le particelle elementari, come elettroni e quark abbiano massa. Sembra trascurabile: in fondo, tutti gli elettroni del nostro corpo messi assieme hanno una massa di appena qualche grammo. Però, come spiega (nel video sotto), Josh Bendavid del MIT,

Questo è assolutamente fondamentale per la nostra stessa esistenza, perché se l’elettrone non avesse massa, non potrebbe essere legato ad un protone e non si potrebbero formare gli atomi. E allora le stelle, i pianeti, la chimica, la vita non potrebbero esistere.

Trovare il bosone era la verifica sperimentale della teoria, che ha lanciato Higgs e il suo collega e co-autore della teoria François Englert al premio Nobel per la fisica 2013*.

Dopo questo successo, il grande acceleratore (il famoso LHC) usato per gli esperimenti è stato potenziato ulteriormente, passando da essere il più potente acceleratore del mondo ad essere di gran lunga l’acceleratore più potente. Tra i suoi ambiziosi obiettivi per il futuro c’è cercare una spiegazione per la materia oscura.

Mentre il CERN dà la caccia alle prossime grandi risposte, questa settimana vale la pena festeggiare il loro più grande risultato.

 

Foto: LHC – ALICE Detektor, CC-BY-SA Frank Weber, via Flickr. Some rights reserved.

*Correzione: Il post aveva erroneamente identificato le collaborazioni dietro agli esperimenti ATLAS e CMS del CERN come co-vincitori del Premio Nobel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *