Usando il telescopio spaziale Hubble, gli scienziati della NASA hanno trovato, dalle parti del Grande Carro, una galassia lontanissima. Così lontanissima che è l’oggetto più lontano che sia mai stato trovato.

Questa galassia, chiamata GN-z11, è così lontana che la sua luce impiega 13.4 miliardi di anni a raggiungerci. Perciò, GN-z11 esisteva già “solo” 400 milioni di anni dopo il Big Bang. Per metterlo in prospettiva, se l’universo fosse una persona di 30 anni, avrebbe GN-z11 da quando aveva circa 11 mesi.

“È incredibile che una galassia così grande esistesse solo 2-300 milioni di anni dopo la formazione delle primissime stelle”, spiega Garth Illingworth dell’Università della California a Santa Cruz.

L’unico modo perché sia possibile è che GN-z11 crescesse molto velocemente. Infatti, sembra che formasse nuove stelle 20 volte più veloce della Via Lattea, pur rimanendo molto piccola (25 volte più piccola e 100 volte meno massiccia)..

Questa è solo la prima di queste antichissime galassie che troviamo: nel 2018 la NASA lancerà il telescopio spaziale James Webb, molto più potente di Hubble. Secondo Illingworth: “Questa scoperta mostra che il telescopio Webb troverà sicuramente molte altre giovani galassie, arrivando fino a quando si formarono le prime galassie.

 

Foto di copertina: Mike + Telescope, CC-BY-SA Michael Saechang, via Flickr. Some rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *