Il futuro dell’elettronica è nero. Nero come il fosforo che, secondo uno studio, permetterebbe di costruire processori estremamente efficienti.

Chiunque se ne sia stato comodo sul divano con un portatile sulle gambe si sarà accorto di quanto si scaldi. La temperatura dei processori, infatti, è un problema per tutta l’elettronica, dai supercomputer agli smartphone. Il fosforo nero potrebbe essere la soluzione.

Gli scienziati del Lawrence Berkeley National Laboratory, negli Stati Uniti, hanno preparato fosforo nero in particolari nanostrutture (dette nanoribbons) ed hanno osservato che, spontaneamente, conduce elettricità lungo una direzione e calore lungo un’altra.

Questo comportamento estremamente inusuale—di solito elettricità e calore vanno a braccetto—dipende solo dalla forma dei cristalli nei nanoribbons. Secondo, Junqiao Wu, coordinatore dello studio, sfruttare questa proprietà permette di “gestire efficientemente il calore, ridurre le temperature ed aumentare le prestazioni dei chip”.

Foto: Circuit City 6, CC-BY-NC-ND Leo Lambertini, via Flickr. Some rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *